Camilli - Origine del Cognome

Origine del cognome Camilli
Origine
Deriva dal nome antico Camillo, l'italianizzazione di Kadmilos, che, nell'antica mitologia greca, era il nome attribuito al padre dei Cabiri (divinità dell'oltretomba): dalla figura mitologica di Kadmilos, in seguito, presero il loro nome i cosiddetti camilli, giovani sacerdoti che assistevano a particolari riti sacrificali. In seguito il nome assunse il significato di "fanciullo".
Il cognome Camilli è specifico della fascia centrale che comprende il grossetano, il Lazio, l'Abruzzo, l'Umbria e le Marche.
Camillini è tipicamente romagnolo, del ravennate, forlivese, riminese e pesarese.
Camilla è tipica del cuneese.
Camillacci è tipicamente laziale, del romano e del frusinate.
Camilletti è tipico delle Marche, del perugino e del romano.
Camillo ha ceppi nel Veneto, nel romano, nel napoletano, nel foggiano e nel palermitano.
Camilloni sembra marchigiano e del perugino e romano.
Camillucci oltre al ceppo marchigiano ha un ceppo nel ternano, nel viterbese e nel romano.
Camilluzzi, molto raro, è tipico del ternano.
Cammilli, sicuramente toscano, è proprio del fiorentino e del pistoiese.
Varianti
Presenza
Ci sono circa 875 famiglie Camilli in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Camilli in Italia!
Popolarità
Il cognome Camilli è 271° nella regione Lazio
Il cognome Camilli è 63° nella provincia di Viterbo
Il cognome Camilli è 14° nel comune di Labico (RM)
Stemma
Stemma della famiglia Camilli non presenteCamilli (LAZ) (Roma)
di rosso, al grifo d'oro
Stemma della famiglia Camilli non presenteCamilli (ABR) (Abruzzo)
D’argento alla fascia di rosso, sormontata da una rosa dello stesso
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook