Pastore - Origine del Cognome

Origine del cognome Pastore
Origine
Deriva da soprannomi legati al mestiere di pastore o allevatore di greggi oppure dal richiamo religioso alla figura del "Buon Pastore", ossia Gesù Cristo o del "pastore d'anime" ossia i sacerdoti.
Tracce di questo nome si trovano a Milano nel 1161, in un atto di compravendita dove compare un certo Pastore detto Crivello e più tardi lo stuccatore, orafo e mastro vetraio Pastorino da Siena (1508 ca. - 1592).
Il cognome Pastore è molto diffuso sia al sud (Puglia e Campania) che al nord (Piemonte, Lombardia). Pastori ha un grosso ceppo lombardo, nel milanese ed uno nel Lazio. Pastor, abbastanza raro, ha un ceppo in Liguria, nell'imperiese ed uno nel Friuli-Venezia Giulia. Pastora è praticamente unico mentre Pastorella parrebbe siciliano, con un ceppo nel palermitano ed uno nel siracusano. Pastorelli sembra tipico del centro nord, ma con un possibile ceppo nel Salento. Pastorello ha un grosso nucleo veneto, un ceppo piemontese ed uno siciliano. Pastoressa, decisamente pugliese, ha un ceppo a Bitonto e Bari. Pastorin, assolutamente rarissimo è del veneziano; Pastorina è unico; Pastorini ha ceppi tra genovese ed alessandrino, tra fiorentino ed aretino ed a Roma mentre Pastorino, decisamente ligure, è diffuso in tutta la regione anche se in modo più massiccio nel genovese. Pastoris, molto raro, parrebbe del vercellese.
Varianti
Presenza
Ci sono circa 4971 famiglie Pastore in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Pastore in Italia!
Popolarità
Il cognome Pastore è 26° nella regione Puglia
Il cognome Pastore è 11° nella provincia di Novara
Il cognome Pastore è nel comune di Casamassima (BA)
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook