Boni - Origine del Cognome

Origine del cognome Boni
Origine
Deriva direttamente o tramite ipocoristici o alterazioni dialettali, dal nome latino Bonus passato in uso anche presso i barbari conquistatori; Bono è anche nome longobardo. Si trova un esempio a Pavia in una Cartula venditionis del 1144: "...manuum suprascriptorum iugalium qui hanc cartulam vendicionis fieri rogaverunt et suprascriptum precium acceperunt et ipse Bonus Iohannes eidem coniux sua consensit ut supra...".
Tracce di queste cognominizzazioni si trovano già nel 1204 a Cesena nel Convento di Santa Maria dove uno dei frati citati in uno scritto si chiama Joanne Bono ed a Verona dove nel 1500 si legge: "...interrogatus Dominus Julius Bonaccinus, veronensis, rector dictae ecclesiae, super primum capitulum dixit...".
Il cognome Boni è presente in tutto il centro nord.
Bona è presente in tutto il nord nel Lazio ed in Sicilia.
Bonacina è lombardo con maggiore concentrazione nelle province di Bergamo e Lecco.
Bonacini sembrerebbe tipicamente emiliano, del reggiano e del modenese.
Bonì, molto raro, è tipicamente siciliano, del trapanese in particolare.
ovrebbero derivare,
Varianti
Presenza
Ci sono circa 3682 famiglie Boni in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Boni in Italia!
Popolarità
Il cognome Boni è 55° nella regione Emilia-Romagna
Il cognome Boni è 24° nella provincia di Mantova
Il cognome Boni è nel comune di Monclassico (TN)
Stemma
Stemma della famiglia BoniBoni (LAZ) (Velletri)
Cigno (dal disegno che compare nel sito BLVL il cigno è rivoltato, con la testa anch'essa rivoltata a immergere il becco nella coda)
Stemma della famiglia BoniBoni Boni
Stemma della famiglia BoniBoni (TOS) (Pistoia)
Di verde, a tre pali di rosso e alla fascia attraversante d'oro; con il capo d'Angiò
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook