L'origine dei cognomi dei politici

Strabismo, vanita', grassezza, ritrosia, arbusti e rape, pecore e formiche, polvere e caldaie, preti e usurai, piccole localita' sconosciute ai piu', nomi di battesimo medievali ormai scomparsi (o irriconoscibili): ecco cio' che caratterizza l'onomastica del governo nazionale e dei rappresentanti regionali.
Ce ne fa un'interessante panoramica Enzo Caffarelli, linguista di fama internazionale, sul numero di ottobre di Anci Rivista.

Dieci cognomi di presidenti di Regione, 22 del Governo: questi i numeri dei cognomi passati al setaccio. Scopriamo cosi' che Berlusconi deriva da una parola del nord che vuol dire "strabico", portato da 500 italiani soprattutto nella zona del comasco; oppure che Calderoli vuol dire "piccola caldaia", Frattini deriva da "fratta, macchia", che Prestigiacomo vuol dire "prete Giacomo", od infine che La Russa vuol dire "la rossa" ed e' diffuso soprattutto in Sicilia.

Ecco l'elenco dei cognomi illustri di cui si svela il significato e la diffusione territoriale con alcune interpretazioni:

Per i presidenti di Regione: Burlando (Liguria) da "bernoccolo", Caldoro (Campania) da "caldo", Cota (Piemonte) "pietra da affilare", Errani (Emilia Romagna) dal toponimo "Errano", Formigoni (Lombardia) da "formica", Lombardo (Sicilia) da "Longobardo", Polverini (Lazio) da "polvere", Spacca (Marche) da "rompere", Vendola (Puglia) "chi usa le ventole per il fuoco" e Zaia (Veneto) "cestino di vimini".

Per il governo nazionale, troviamo i gia' citati Berlusconi, Calderoli, Frattini, Prestigiacomo e La Russa, Alfano, toponimo campano, Bondi, dal nome "Abbondio", Bossi, toponimo, Brambilla, dal Comune di "Brembilla", Brunetta, da "Bruno", Carfagna, dalla regione "Garfagnana", Fazio, diminutivo di "Bonifazio", Gelmini, diminutivo e vezzeggiativo di "Guglielmo", Maroni, toponimo lombardo "Marone" oppure da "castagna", Matteoli, da "Matteo", Meloni, da "melone", Rotondi, soprannome da "rotondo", Sacconi, da "Isacco" o da "sacco", Tremonti, toponimo geografico e Vito, dal nome di persona.

Ed infine i cognomi dei presidenti delle Camere, Schifani, da "schivo" e Fini, abbreviazione di "Serafino" o da "fino".

2 maggio 2011

LEGGI TUTTE LE NEWS

NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook