Peverari - Origine del Cognome

Origine del cognome Peverari
Origine
Potrebbe derivare da un soprannome basato sul termine latino piperarius, "chi commercia, chi vende pepe", ad indicare probabilmente il mestiere svolto dal capostipite.
Dell'uso di questo termine si ha un esempio in un atto del 1178: "In nomine sancte et individue Trinitatis. Notum sit omnibus tam presentibus quam futuris quod ego Matildis, comitissa Nivernis, domos illas cum orto quas agabi de Tornod. Sancti-monialibus de Juli donavi, amore Dei et remedio anime mee, ab omni consuetudine quitas et liberas esse constitui, et censum quam in domibus et in orto habebam eisdem sanctimonialibus donavi, concessi, et in perpetuum quittavi, quod ut ratum et inconcussum in futurum habeatur, presentis scripti patrocinio et sigilli mei auctoritate confirmavi. Hujus rei testes sunt Renaudus prior sancti Aniani, Aimo de Ireor; Guido de Tornodoro; Helias de Tornod. milites; Marinus piperarius, et multi alii. Auctum est hec publice Tornod. anno verbi incarnati MCLXXVIII".
Si trovano tracce di queste cognominizzazioni con Guazolinus Piperarius, uno dei firmatari della pace tra Parma e Cremona nel 1228.
Il cognome Peveraro, molto raro, sembrerebbe specifico della zona che comprende il biellese ed il vercellese.
Peverari, molto raro, è specifico del modenese.
Varianti
Stemma
Stemma della famiglia PeverariPeverari (LOM) (Cremona)
inquartato in croce di S. Andrea d'argento e d'azzurro, col capo d'oro all'aquila bicipite di nero
Stemma della famiglia PeverariPeverari (LOM) (Cremona)
inquartato d'azzurro e d'argento in croce di S. Andrea
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook