Antonio - Origine del Cognome

Origine del cognome Antonio
Origine
Deriva da modificazioni del nome della gens latina Antonius, di probabile origine etrusca e di significato incerto. Potrebbe significare "inestimabile" oppure "che affronta" o infine potrebbe essere legato al greco antionos con il significato di "nato prima".
Il cognome si diffuse in epoca medievale grazie al culto dei Santi Antonio Abate e Antonio di Padova, nonché di Sant'Antonino Abate e Sant'Antonino da Firenze.
Il cognome Antona sembrerebbe dell'agrigentino.
Antoni parrebbe toscano.
Antonio, estremamente raro, parrebbe del centrosud.
Antoniazzo, molto raro, ha un ceppo nel novarese ed uno nel Veneto.
Antonicello, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione del precedente.
Antonione, estremamente raro, sembrerebbe piemontese.
Antonioni ha ceppi emiliani, nell'urbinate e tra Roma e Latina.
Antoniotti e Antoniotto sono tipicamente piemontesi.
Antoniel, molto raro, è specifico del pordenonese con qualche presenza nel vicino trevigiano.
Antonetti è soprattutto laziale.
Antonietti ha un ceppo nell'Italia settentrionale occidentale con piccoli ceppi anche in Emilia, ed ha ceppi nella fascia centrale che comprende urbinate, anconetano, perugino, romano e latinense.
Antoniozzi è specifico del romano e del rietino.
Varianti
Presenza
Ci sono circa 72 famiglie Antonio in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Antonio in Italia!
Popolarità
Il cognome Antonio è 4884° nella regione Sardegna
Il cognome Antonio è 2242° nella provincia di Cagliari
Il cognome Antonio è 55° nel comune di Burcei (CA)
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
Scopri il passato della tua famiglia
SOCIAL
Seguici su Facebook