Zelli - Origine del Cognome

Origine del cognome Zelli
Origine
Deriva dal vocabolo latino agellum, "piccolo podere, campicello" e anche dai toponimi come Aielli (AQ), Aiello Calabro (CS), Aiello del Friuli (UD), Aiello del Sabato (AV) e molti altri. Molto probabilmente i primi che portarono questo cognome nel Medioevo furono dei piccoli proprietari terrieri.
Si hanno tracce di questa cognomizzazione fin dal XII secolo: Matteo d'Ajello è stato nella seconda metà del 1100 notabile al servizio dei sovrani normanni. Personaggio di rilievo della seconda metà del 1500 fu il pittore Antonio Ajello nativo di Rivello (PZ). Si ricorda inoltre Massimo D'Azeglio della famiglia feudale dei Tapparelli, noto scrittore e uomo politico del Risorgimento Italiano.
Il cognome Aiello è tipico del Sud Italia, molto diffuso soprattutto in Campania, Sicilia e Calabria.
D'Ajello, molto raro, è napoletano.
Daielli, Ajelli e Dajelli, particolarmente rari, dovrebbero essere relativamente recenti e sono probabilmente il frutto di errate trascrizioni nelle anagrafi del nord Italia.
Azeglio e D'Azeglio, molto rari, sono piemontesi.
Zelli è presente in Toscana, Lombardia e pianura padana.
Varianti
Presenza
Ci sono circa 193 famiglie Zelli in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Zelli in Italia!
Popolarità
Il cognome Zelli è 1537° nella regione Lazio
Il cognome Zelli è 95° nella provincia di Rieti
Il cognome Zelli è nel comune di Leonessa (RI)
Stemma
Stemma della famiglia ZelliZelli (LAZ) (Viterbo)
partito: nel 1° d'azzurro, alla fascia d'oro, accompagnata in capo da una stella dello stesso, ed in punta da due monti, ciascuno di tre cime, d'oro, ordinati in fascia. La seconda partizione variava secondo il ramo della famiglia
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook