Operti - Origine del Cognome

Origine del cognome Operti
Origine
Deriva dal nome medioebale Ubertus o Obertus (dal germanico Hugubert con il significato di "spirito illustre"), di cui si hanno tracce fin dal 1000 in un atto di compravendita redatto in Pavia nell'anno 1144: "...Et quidem spondimus atque promittimus nos qui supra iugales, una cum nostris heredibus, tibi qui supra Oberto presbitero tuisque succesoribus et partim eiusdem ecclesie et cui vos et partim eiusdem ecclesie dederitis suprascripta vendicione qualiter superius legitur in integrum, ab omni homine defensare; quod si defendere non potuerimus aut si vobis exinde aliquid per quodvis ingenium subtrahere quesierimus, tunc in duplum suprascripta vendicione ut supra legitur vobis restituamus, sicut pro tempore fuerit meliorata aut valuerit per estimacione in consimili loco et nichil nobis ex ipso precio dare debes diçimus. Actum civitate Texini, feliciter."
Il cognome Oberti presenta due nuclei: uno nel bergamasco ed uno nel genovese.
Obertello è specifico della provincia di Genova.
Obertino, raro, dovrebbe essere del torinese.
Oberto è piemontese, del torinese e del cuneese, così come il rarissimo Operti.
 
Varianti
Stemma
Stemma della famiglia OpertiOperti (PIE) (Fossano ?) Titolo: marchesi di Cervasca; signori di Savigliano, Torre di Valmairana; consignori di Cervere, Genola, Roccavione, Salmour
Di rosso, al mastio sinistrato da un antimuro, il tutto d'argento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
Scopri il passato della tua famiglia
SOCIAL
Seguici su Facebook