D'Amati - Origine del Cognome

Origine del cognome D'Amati
Origine
Deriva dal medioevale Amatus, nome in seguito diventato cognome, dal significato augurale "amato, protetto da Dio". Il cognome si riscontra in un atto di compravendita del 1195 a Solofra (AV): "...Que tota petia videtur esse per hos fines: a parte orientis fine heredum quondam Amati Cioffi et Iaconi Petri qui dicitur de Archipresbitero; a parte meridiei fine via puplica; a parte occidentis fine ipsius Iaconi Petri et Iohannis qui dicitur de Archi... ..ego Falco notarius iussu suprascripti iudicis scripsi". 
Il cognome Amato è diffuso in tutto il Sud Italia.
Amat ha un ceppo in provincia di Pordenone e presenze in Sardegna ed in Piemonte.
Amata è siciliano, della provincia di Messina in particolare.
Amatiello è campano, della provincia di Avellino.
Amatino, raro, dovrebbe essere salernitano.
Amatu è siciliano e specifico della provincia di Ragusa.
Amatucci ha un ceppo in provincia di Ascoli Piceno e presenze significative in Toscana, nel romano ed in Campania.
Amatulli è barese.
Amatuzzi è calabrese, della provincia di Cosenza.
D'Amati ha un possibile ceppo pugliese.
Damato ha un ceppo pugliese in provincia di Barletta-Andria-Trani.
 
Varianti
Presenza
Ci sono circa 34 famiglie D'Amati in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome D'Amati in Italia!
Popolarità
Il cognome D'Amati è 3539° nella regione Basilicata
Il cognome D'Amati è 1535° nella provincia di Matera
Il cognome D'Amati è 21° nel comune di Grottole (MT)
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
COGNOMIX APP
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook