Catta - Origine del Cognome

Origine del cognome Catta
Origine
Dovrebbe derivare da un soprannome legato al nome Caterina, dal termine greco katharos, "immacolato, lindo, puro, lucente" e rientra nel caso dei nomi originati dalla devozione cristiana.
Il cognome Caterino è molto diffuso in Puglia, in Molise, nel napoletano e soprattutto nel casertano, con un ceppo anche a Roma.
Cata è quasi unico.
Catarin, assolutamente rarissimo, è del trevisano.
Catarini, ancora più raro, è dell'area marchigiano, abruzzese.
Catarino, quasi unico, è campano.
Catera è presente in Calabria, Puglia e Sicilia.
Caterini ha un ceppo nell'Italia centrale tra Toscana, Umbria, Lazio settentrionale e Roma ed uno tra potentino e cosentino.
Catta ha un ceppo sardo, nel sassarese, ed uno in Toscana a Livorno.
Cattarin ha un ceppo nel trevisano, un ceppo nel goriziano ed uno a Roma. Cattarini ha un ceppo triestino ed uno molto piccolo nell'urbinate.
Cattarinich è molto raro.
Cattarino, molto raro, ha un piccolo ceppo nell'udinese.
Catterini, rarissimo, parrebbe umbro.
Catterino, quasi unico, sembra essere molisano.
Tarussio è udinese.
Varianti
Presenza
Ci sono circa 112 famiglie Catta in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Catta in Italia!
Popolarità
Il cognome Catta è 763° nella regione Sardegna
Il cognome Catta è 235° nella provincia di Sassari
Il cognome Catta è 13° nel comune di Sedini (SS)
Stemma
Stemma della famiglia Catta non presenteCatta (VEN) (Venezia)
2 C in lettere gotiche una di nero su argento e l'altra di argento sul nero del troncato di argento e di nero
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook