Brunori - Origine del Cognome

Origine del cognome Brunori
Origine
Dovrebbe derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome Bruno ("colui che ha i capelli o la carnagione dal colore scuro").
Il cognome Bruno è particolarmente diffuso in tutta Italia.
Brunacci è diffuso nel forlivese, riminese, fiorentino, aretino, perugino, anconetano e maceratese, con un ceppo nel romano ed uno nell'alto cosentino.
Brunato è senz'altro veneto, del trevisano in particolare, con un ceppo anche nell'udinese.
Sia Brunatti che Brunatto sono molto rari e specifici del torinese.
Brunini
ha un ceppo tra milanese e varesotto, uno nel lucchese ed uno nel bolognese.
Brunino, rarissimo, è del padovano.
Brunitto, molto raro, è tipico del casertano, con un ceppo anche a Giugliano in Campania.
Brunone, abbastanza raro, è presente nel meridione.
Brunoni, anch'esso molto raro, ha un ceppo lombardo ed uno toscano.
Brunori è del centro nord.
Brunoro è veneto.
Brunotti, specifico dell'Italia centrale, è particolarmente presente a Terni, Narni e a Roma.
Brunozzi, anch'esso della fascia centrale, ha un ceppo ad Assisi nel perugino ed uno a Roma.
Brunu, estremamente raro, è sardo.
Varianti
Presenza
Ci sono circa 1281 famiglie Brunori in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Brunori in Italia!
Popolarità
Il cognome Brunori è 166° nella regione Umbria
Il cognome Brunori è 113° nella provincia di Perugia
Il cognome Brunori è nel comune di LAVENONE (BS)
Stemma
Stemma della famiglia BrunoriBrunori (LAZ MAR) (Corinaldo, Roma)
(d'azzurro, alla fascia in divisa d'oro, accompagnata in capo da una cometa d'oro ondeggiante in palo affiancata da due stelle (6) dello stesso e, in punta, da un busto di uomo armeno in maestà vestito di rosso e coperto da un cappello a tronco di cono con nappa su oro)
Stemma della famiglia BrunoriBrunori (LAZ MAR) (Corinaldo, Roma)
(inquartato: nel 1° troncato: di sopra d'argento a due stelle di sei raggi frammezzate da una cometa, il tutto d'oro; di sotto d'oro a una figura di uomo armeno, vestito di rosso, col berretto dello stesso con fiocco bianco pendente dal lato sinistro, posto in maestà e nascente; nel 2° troncato: di sopra d'argento alla corona d'oro; di sotto di rosso alla fascia di nero carica del motto: Fides d'argento, e sormontata da una fede manicata al naturale, uscente dai lati e tenente tra le mani di carnagione un ramo di giglio di giardino al naturale, uscente dalla fascia coi fiori sull'argento e posti sotto la corona; nel 3° d'argento al leone al naturale muto, attraversato da una fascia di rosso carica di cinque rombi di nero; nel 4° d'argento alla spada al naturale inclinata in sbarra all'ingiù, attraversata da una fascia d'oro, con un serpe al naturale attorcigliato alla lama, colla campagna d'oro carica di un frutto di cedro di verde, sul quale converge la punta della spada. Il tutto colla campagna d'argento carica di una gru sorante e rivoltata, colla sua vigilanza, al naturale, sormontata da una stella di sei raggi d'oro)
NEWSLETTER
COGNOMIX APP
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook