Asinari - Origine del Cognome

Origine del cognome Asinari
Origine
L'origine sembrerebbe riferirsi al mestiere di conduttore o allevatore e soprattutto commerciante ambulante che utilizzava, nel medioevo ed anche in epoca romana, gli asini come mezzo di trasporto.
Nel Codice Diplomatico della Lombardia Medioevale si legge: "...et item Petrus qui dicitur Asinarius..." ed in una Sententia appellationis del 1183 a Brescia: "...dominum Albertum, abbatem Sancti Petri in Monte, ex una parte, et Asinarium et Girardum eius fratrem et Guilielmum de Temolinis et Cipellum, consortes et succesores quondam Guilielmi de Ripa in feudo...".
Potrebbe anche derivare dal cognomen latino Asinarius di cui si ha un esempio nel IX secolo negli Annales Regni Francorum: "...Aeblus et Asinarius comites cum copiis Wasconum ad Pampilonam missi, cum peracto iam sibi iniuncto negotio reverterentur, in ipso Pirinei iugo perfidia montanorum in insidias deducti ac circumventi capti sunt...".
Tracce importanti di queste cognomizzazioni si trovano fin dalla seconda metà del 1100 a Camerano (AT) dove un Opicinus Asinarius di Asti vende della merce a Iacobus de Albisano.
Il cognome Asinari ha un ceppo piemontese ed uno mantovano.
Asinaro, molto più raro, è del torinese.
 
Varianti
Presenza
Ci sono circa 135 famiglie Asinari in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Asinari in Italia!
Popolarità
Il cognome Asinari è 4206° nella regione Piemonte
Il cognome Asinari è 726° nella provincia di Mantova
Il cognome Asinari è nel comune di Rocca de' Giorgi (PV)
Stemma
Stemma della famiglia AsinariAsinari (PIE) (Torino, Mazzè) Titoli: Conte. Nobile dei Marchesi di S. Marzano
d'azzurro alla torre d'oro, aperta e finestrata di nero, colla bordatura composta di rosso e di argento
Stemma della famiglia AsinariAsinari (PIE) (Torino) Titoli: Conte, Nobile dei Marchesi di S. Marzano
d'azzurro, alla torre d'oro, aperta e finestrata d'argento, colla bordatura composta di rosso e d'argento
Stemma della famiglia AsinariAsinari (PIE) Titolo: conti di Camerano
Inquartato, al 1º e 4º trinciato di rosso e d'argento, al 2º e 3º d'argento al trapano di nero, sul tutto una torre d'argento attraversante, e il tutto alla bordura composta d'argento e di rosso
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook