Zoccola - Origine del Cognome

Origine del cognome Zoccola
Origine
Zoccola è un cognome italiano, presente nell'Italia settentrionale già dal tardo medioevo, come riferisce Antonio Lodovico Muratori nel suo libro Annali d'Italia dal principio dell'era volgare sino all'anno 1750. L'etimologia del cognome Zoccola è da ricercare nella variante orientale dell'antica lingua lombarda (diffusa un tempo in Lombardia, Canton Ticino, Grigione e Piemonte orientale). Nel dialetto Intrese (Nord est del Piemonte), Zòcula è il sostantivo femminile di "zoccolo" e Zòcul il suo plurale, mentre Zoccola in Ticinese è il calzare di legno del costume tradizionale dell'alpigiano e 'zoccole' il suo plurale. Stefano Frascini, padre della scuola ticinese, in un testo del 1835, riferendosi agli zoccoli di legno indossati dai montanari (più di recente Galli e Padovani nel 2000) scrive "In Ticino le scarpe si usano nei giorni di festa e per l'inverno. Negli altri giorni si indossano le zoccole o si va scalzi". Francesco Cherubini nel suo vocabolario di Milanese – Italiano pubblicato dalla Imperiale Regia Stamperia di Milano nel 1843 cita Zòccola, Zòcchera e Zòccora come corrispondenti dell'italiano Zoccolo e della Pianella con pianta di legno. Il cognome Zoccola non deriverebbe quindi dal meridionalismo di "ratto" e "prostituta" come si è spesso erroneamente sostenuto ma dall'antico idioma lombardo. Numerosi autori citano il cognome Zoccola tra i cognomi diffusi a Bologna ed a Piacenza tra il XIII ed il XIV secolo. Alcuni personaggi con questo cognome ebbero ruoli di rilievo nella città di Piacenza, tra questi il Podestà Raimondo Zoccola ed il Prevosto Ugolino Zoccola. Nel XIV secolo si hanno le prime notizie di questo cognome nel Salernitano, in Chronicon de rebus in Apulia gestis si narra delle doti di guerriero d'un certo Zoccola, arciere originario di Giffoni (SA); l'uomo d'armi venne reclutato per vendicare una grossa razzia a Gravina (BA), in Puglia. Nel 1673 il cognome Zoccola risultava tra i più ricorrenti cognomi del territorio del comune di Castagnole Lanze (AT), in Piemonte (nel 1614 un certo Antonio Maria Zoccola fu uno dei sindaci, e, nello stesso anno, Battista Zoccola consigliere comunale; nel 1702, e successivamente nel 1706, furono tra i sindaci di Castagnole rispettivamente Bernardino Zoccola ed Alberto Zoccola). Nel 1798 (11 nevoso secondo il calendario della Rivoluzione Francese) Domenico Zoccola (figlio di Giovanni Maria Zoccola) ed Antonio Zoccola (figlio di Giuseppe Zoccola) parteciparono ad un insurrezione antifrancese nel comune di Ricaldone (AL), nella quale venne tentata la rimozione dell'Albero della Libertà dalla piazza del paese. Nella seconda metà del XVII, il notaio Antonio Maria Zoccola (omonimo del precedente), fu Podestà del comune di Coazzolo (AT). Il 30 agosto 1828 in Torino, a Giuseppe Zoccola viene rilasciata una patente di nominato a Commissario delle regie gabelle. Attualmente il cognome è maggiormente diffuso in Piemonte, in Lombardia, in Liguria e nel Salernitano. E' inoltre presente nel settentrione dell'Emilia Romagna, nel nord della Sardegna, in Toscana e nel sud del Lazio. Il cognome è però più diffuso all'estero, ed in particolare in Europa (Francia, Austria, Inghilterra, Spagna e Svizzera), nel Nord America (prevalentemente negli Stati Uniti) ed in America Latina (prevalentemente in Argentina e Cile) oltre che in Africa.
Presenza
Ci sono circa 175 famiglie Zoccola in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Zoccola in Italia!
Popolarità
Il cognome Zoccola è 2771° nella regione Piemonte
Il cognome Zoccola è 625° nella provincia di Biella
Il cognome Zoccola è nel comune di Ricaldone (AL)
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook