Borromeo - Origine del Cognome

Origine del cognome Borromeo
Origine
Risulta composto da Boni e Romeo e significa "buon pellegrino diretto a Roma". Dovrebbe discendere come ramo cadetto dal casato dei Vitaliani di Padova assumendo l'identificativo di Vitalianus Bonus Romeus trasformatosi poi nel tempo in Borromeo, di lì si trasferirono a San Miniato (PI) dove come banchieri di fede ghibellina accumularono grandi sostanze. In seguito con la vittoria dei guelfi nel 1370 vennero privati dei loro beni e mandati in esilio e arrivarono nel milanese a Lainate (MI).
Si trovano tracce di questo casato in un atto del 1422 dove si legge: "...Vitalianum de Vitalianis dictus de Borromeis filius quendam domimi Joacob...nominatiae de sedime jacens in loco Leynate plebis..."; il Visconti fece Vitaliano Borromeo proprio feudatario della contrada di Arona nel 1439 e gli conferì il titolo di Conte nel 1445. Il personaggio più famoso di questa famiglia fu San Carlo il milanese, Carolus Borromeus (1538-1584), arcivescovo di Milano e fautore della riforma religiosa avversa al protestantesimo di Martin Lutero.
Il cognome Borromeo è un cognome milanese.
Borromei, molto raro, è presente nel centro-nord, con un possibile ceppo nelle Marche.
Presenza
Ci sono circa 270 famiglie Borromeo in Italia
Scopri la mappa di diffusione del cognome Borromeo in Italia!
Popolarità
Il cognome Borromeo è 3107° nella regione Abruzzo
Il cognome Borromeo è 785° nella provincia di La Spezia
Il cognome Borromeo è nel comune di Inverno e Monteleone (PV)
Stemma
Stemma della famiglia BorromeoBorromeo (LOM) (Milano)
inquartato, con sul tutto, fiancheggiato, serrato con il capo e con la campagna; al primo di rosso, alla corona d'oro, all'antica, posta in sbarra; al secondo di argento a due trecce, al naturale, decussate, legate di rosso, poste in sbarra; al terzo di azzurro a tre anelli d'oro, gemmati di rosso, intrecciati e male ordinati; al quarto di rosso al morso di cavallo all'antica, di argento, posto in banda; al fianco destro di rosso, sparso di fiammelle d'oro, al liocorno d'argento, ritto, accollato di una corona d'oro all'antica, la corona legata, di dietro, con una sciarpa d'argento svolazzante, con un medaglione ovale d'argento, raggiante d'oro, caricato di un biscione di azzurro, ingoiante un puttino di carnagione; il medaglione uscente dall'angolo destro del capo; al fianco sinistro, di rosso al cammello accosciato in una cesta, il tutto d'oro, sostenente con la gobba una corona all'antica, pure d'oro, con un pennacchio di cinque penne di struzzo, alternate di argento e di azzurro uscente dalla corona; il capo di argento carico della parola HUMILITAS in gotico e di nero, sormontata da una corona d'oro, antica, cimata da cinque fioroni, alternati di palle, il tutto d'oro; la campagna di argento carica di un frutto di cedro di oro, gambuto e fogliato di verde, posto in fascia; il sul tutto: partito: a destra: bandato innestato di azzurro, di argento e di verde; a sinistra: fasciato di rosso e di verde, cucito, con la banda di argento
Stemma della famiglia Borromeo non presenteBorromeo (PIE) Titolo: marchesi di Romagnano (1561); conti di Arona; signori di Borgoticino, Bra, Cannero, Cannobio, Cherasco, Intra, Omegna, Ossola Inferiore e Superiore, Pallanza, Val Vigezzo, Vergante
Fasciato di rosso e di verde, cucito, con la banda d'argento
Stemma della famiglia Borromeo non presenteBorromeo (LOM) (Milano)
Fasciato di verde e di rosso, cucito, con la sbarra d'argento
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook