Corte Costituzionale: il sì al cognome della madre

Eravamo rimasti al 24 settembre 2014 quando era stato approvato alla Camera il testo unico che regolamentava il doppio cognome e il cognome della madre.

Il testo prevedeva che i genitori di comune accordo avrebbero potuto scegliere per i propri figli il doppio cognome, il solo cognome della madre o solo quello del padre.

La riforma però doveva ottenere ancora il benestare del Senato ed in seguito il governo avrebbe dovuto adeguare l'ordinamento dello stato civile.

Nulla di tutto questo è stato fatto ed ancora una volta la Corte Costituzionale è stata costretta a ribadire l'incostituzionalità dell'attribuzione del solo cognome paterno.

Ennesimo sì della Corte Costituzionale al cognome materno

Già nel 2006 la Consulta aveva dichiarato che "la concezione patriarcale della famiglia non è più coerente con i principi dell’ordinamento e con il valore costituzionale dell’uguaglianza tra uomo e donna" ed in seguito anche la Corte europea di Strasburgo aveva condannato l'Italia perchè ritenuta una norma "discriminatoria verso le donne".

Questa volta la Corte ha preso la parola in merito alla richiesta dei genitori di un bambino nato nel 2012 con cittadinanza italo-brasiliana che veniva identificato in Brasile con il doppio cognome mentre in Italia con il solo cognome del padre.

In attesa della pubblicazione delle motivazioni che hanno spinto la Consulta a confermare il doppio cognome, ci si chiede se a livello legislativo ci saranno finalmente nuovi sviluppi.

8 novembre 2016 - Lo staff di Cognomix.it

LEGGI TUTTE LE NEWS

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE
NEWSLETTER
SONDAGGI
SOCIAL
Seguici su Facebook